Non è raro scoprire un dipendente assentarsi dal posto di lavoro, per svolgere una seconda attività.

La nostra agenzia investigativa svolge approfondite e mirate investigazioni su casi di assenteismo dipendenti finalizzato allo svolgimento di un'attività lavorativa extraprofessionale.

 

Le modalità con cui il dipendente di un'azienda può ricorrere all'assenteismo per poter svolgere un secondo lavoro o un'occupazione extra professionale non autorizzata sono molteplici:

 

  1. Ricorrere sistematicamente a permessi per malattia
  2. Ricorrere alla fruizione di assenze ingiustificate o coperte da altri colleghi compiacenti
  3. La mancanza sistemica della puntualità e dell'osservanza dell'orario minimo di lavoro previsto dal contratto
  4. Il ricorso sostenuto o ed eccessivo a permessi retribuiti
  5. la richiesta di fruizione di periodi di aspettativa ascrivibili a motivazioni di carattere personale

Il fenomeno assenteistico può variare a seconda della capacità dell'azienda di controllare o contrastare detta condotta mediante l'attuazione di accurati protocolli e regole supportati da controlli frequenti: se le contromisure adottate dall'azienda risultano essere labili, maggiore sarà il rischio di incidenza dell'assenteismo per secondo lavoro. 

 

L’Agenzia Italiana Investigazioni viene sempre più spesso delegata da parte delle aziende di svolgere controlli a campione sui dipendenti che risultano essere in malattia, in infortunio, in aspettativa o che fruiscono dei permessi per la legge 104/92 al fine di indagare, accertare e documentare con prove giuridicamente valide, la condotta sleale del dipendente che si rende responsabile di assenteismo per svolgere un secondo lavoro non autorizzato.